25 agosto 2014

Buche gelato al cioccolato fondente meringato

Sono ufficialmente e finalmente  in ferie da due giorni!
Ho aspettato queste due settimane di "non lavoro" davvero con trepidazione, gli ultimi mesi  in ufficio sono stati davvero pesantissimi per troppi motivi e anche se un pò a malincuore non me ne andrò in qualche meravigliosa spiaggia caraibica o in qualche cosmopolita città d'oltreoceano......spero siano giorni sereni, è quello che mi aspetto più di ogni altra cosa. Adesso mentre scrivo sono a Pozzuoli da mia sorella, ne approfitterò per stare un pò con le persone che conosco da sempre e per visitare questi posti come se fossi un turista doc :) ...sarà una vacaza  di affetti e di riscoperte. Poi sarà la volta di Roma, qualche amico da andare a trovare e poi mi perderò tra la storia meravigliosa della città eterna, passeggiando senza fretta come non riesco mai a fare....ma stavolta sarà la regola :)
Prima di partire ho fatto qualche dolcetto per addolcirmi l'attesa....questo è il primo; il gelato al cioccolato fondente con meringhe croccanti ha trovato forma in questa golosa buche, vi lascio  la ricetta del gelato, per il biscotto per arrotolati è quello della ricetta dei Baked Alaska come pure lo stato di gelato alle ciliege.
Ma ecco come si fa.



 Buche gelato al cioccolato con meringhette croccanti

Ingredienti per circa 600g di gelato al cioccolato fondente


- 350ml.di latte parzialmente scremato
- .250ml.di panna fresca
- 100g.di zucchero semolato
-  100g. di cioccolato fondente
- 5 g di farina di semi di carrube(facoltativa)
meringhe spezzettate

Procedimento:
Sciogliete il cioccolato al microonde ad una potenza max di 50w per non bruciarlo, poi versatelo in un pentolino con il latte e lo zucchero tranne un cicchiaio, mettete su fuoco e quando sarà tiepido, circa 40° aggiungete il cucchiaio di zucchero a cui avrete mescolato la farina di semi di carrube, portate fino a 85° mescolando. Aggiungete quindi la panna liquida e mixate con un mixer ad immersione.

Adesso la mistura deve riposare almeno 6 ore in frigoriferi, Dopo potrete mantecarlo in gelatiera,  a qualche minuto dalla fine della mantecatura aggiungete le meringhe spezzettate. 
Ho voluto provare una procedura semplificata del gelato al cioccolato, solitamente mi piace essere più "fedele" alle teorie dei bilanciamenti delle ricette dei grandi chef....ma avevo voglia di qualcosa che mi impegnasse meno e che premiasse prima....e devo dire che era buonissimo anche se facile facile :)


Per il montaggio della buche ho utilizzato uno stampo apposito che ho rivestito con un biscotto per arrolotati e poi riempito di gelato al cioccolato e terminato con uno strato sottile di gelato alle ciliegie, per la decorazione libero sfogo alla fantasia, gelato, meringhette, cioccolato fondente, codette di cioccolato......


Oggi mi aspetta un tour impegnativo della Napoli storica.....e qualche tappa golosa che poi vi racconterò :)

18 agosto 2014

Amor Sicilia


Questa crostata nasce da intrecci d'amore......

  • L'amore per la Sicilia, il suo mare, la sua storia, la sua gente , i suoi sapori....non è la mia terra , eppure ogni volta che ci sono stata mi sono sentita abbracciata come se lo fossi, una ospitalità meravigliosa, sincera e spontanea...non si può non lasciarci il cuore!
  • L'amore materno.....perchè dopo che la mia figliola si è divertita a fare palline su palline di anguria, e mi sono resa conto che uno scovolino nelle sue mani può essere un arma molto pericolosa.....bisognava trovare il modo di utilizzare tutte quelle palline!!!
  • L'amore per la pasticceria che non mi abbandona nemmeno il giorno di ferragosto...perchè nonostante il giorno prima avessi lavorato fino a tardi e la sera ci aspettasse il live cooking della cuochetta con tanto di ore di prove.....non ho saputo resistere e ho dovuto fare questa delizia!
La fonte di ispirazione è lei , ha un blog strepitoso, amo le sue ricette e le sue foto, dateci un'occhiata ne vale assolutamente la pena.
La mia crostata si differenzia per le mandorle nella frolla e il ripieno di biancomangiare e non di panna cotta, perchè l'anguria mi fa pensare all'estate ma mi fa pensare anche alla Sicilia, come le mandorle e il latte di mandorle.....e in questo dolce ci sono entrambe :)
Mi è piaciuta moltissimo, la nota di freschezza arriva subito con l'anguria e poi il sapore intenso delle mandorle le dona la ricchezza tipica dei dolci del Sud.

P.S. .....il live della cuochetta è stato un successone! :)


 Crostata con biancomangiare al latte di mandorla e anguria

Per la pasta frolla alle mandorle
270 g di farina 00
40 g di farina di mandorle
150 g di burro
130 g di zucchero semolato
buccia di limone grattugiata
1 tuorli
1 uovo intero
1 pizzico di sale

Procedimento:
Setacciare le farina ed unirvi, la buccia grattugiata di un limone e il sale.
Formare una fontana sul piano di lavoro e al centro lavorare prima il burro con lo zucchero, aggiungere le uova, e cominciare ad incorporare pian piano la farina. Non  lavorare troppo l’impasto per evitare di risvegliare troppo il glutine, che ridurrebbe la friabilità della frolla.
Se si possiede una planetaria procedere così:
Mettere nel recipiente della planetaria con il gancio a foglia il burro con lo zucchero, azionarla e far amalgamare un poco quindi aggiungere le uova e continua a lavorare per qualche secondo. Infine aggiungere la farina , rendere l'impasto liscio, forma un panetto e mettere a riposo in frigo per un paio d' ore.
Stendete poi la frolla a circa 4 mm di spesso e rivestite una teglia da crostata imburrata e infarinata, la cottura va fatta in bianco, quindi senza ripieno , adagiate un foglio di carta forno inumidito sulla frolla e riempite di legumi secchi i pesi da cottura. In forno a 180° per 20 minuti, poi togliete carta e legumi e finite la cottura con altri 10 minuti , deve dorare leggermente. Lasciate raffreddare.

Biancomangiare con latte di mandorle

Ingredienti
500 ml di latte di mandorla( 80 ml di sciroppo di latte di mandorla + 420 ml di acqua)
100 g  di zucchero
50 g di amido di frumento

Procedimento
Mettete il latte di mandorla  in una ciotola su fuoco a fiamma dolce e aggiungete lo zucchero, tenendone da parte un bicchiere . Intanto sciogliete a freddo l’amido nel latte messo da parte, filtratelo ed unitelo  al latte che nel frattempo sarà tiepido alla temperatura circa di 40°. Mescolare in continuazione con un mestolo di legno e fate arrivare a bollore, la crema di addenserà velocemente, spegnete immediatamente. Continuare a mescolare con una frusta energicamente  e lasciate intiepidire  poi versatelo nel fondo di frolla che avrete impermeabilizzato spennellando con del cioccolato fuso e mettete in frigorifero a raffreddare, serviranno almeno 3 ore per una buona solidificazione.

Per il succo lucido di anguria
Ingredienti
100 ml di anguria frullata e poi passata al setaccio
10 g di amido di frumento
1 cucchiaino di zucchero

Procedimento:
Mescolate tutti gli ingredienti a freddo, poi riscaldate fino a raggiungere quasi il bollore. Lasciate intiepidire e spennellate abbondantemente le semisfere di anguria dopo averle appoggiate sulla crostata.


Per il montaggio:
Qualche fetta di anguria da cui ricaviamo delle palline con lo scovolino.
Appena il biancomangiare è rassodato potete decorare la crostata con le palline di anguria, infine il succo di anguria che ne accentuerà il colore e la lucidità.
La crostata va tenuta in frigorifero, tuttavia tenderà ad ammorbidirsi il giorno dopo essendo l'anguria un frutto ricchissimo di liquidi, è buonissima ugualmente.....questo ve lo assicuro :)




11 agosto 2014

Blackberry & Chocolate Layer Pavlova


Ci sono delle immagini che appena le guardi ti rapiscono completamente, non puoi fare a meno di rimanere a fissarle ed apprezzarne la bellezza, la grazia....un bel panorama, il sole al tramonto, un fiore che sboccia..e a me succede anche per un dolce :). La pasticceria è indiscutibilmente una forma d'arte e non è possibile non subirne il fascino, almeno secondo il mio goloso -pensiero! Mi piace sbirciare in quel meraviglioso contenitore di immagini e magie che è Pinterest e come si fa a non passare un sacco di tempo ad aprire bacheche su bacheche e riempirsi gli occhi di bellezza. Avevo visto la foto di una Pavolva a strati deliziosa qualche settimana fa ed è rimasta li nei miei  pensieri fino a quando le mie dolcissime amiche Sara e Laura di Pancetta Bistrot mi hanno fatto il regalo di rifare le mini pavlovas ai ribes che avevo postato e ne sono rimaste così contente, e anche io! che mi è venuta una irrefrenabile voglia di rifarle di nuovo, magari con una veste nuova......proprio come quella che era nei miei pensieri.


Torta Pavlova con chantilly alle more e ganache al cioccolato

Per i 3 dischi di meringa

150 g di albume (circa 5 uova)
150 g di zucchero semolato superfine
150 g di zucchero a velo
Qualche goccia di limone
15 g di amido di mais
1 cucchiaio di cacao amaro

Preparazione
Preriscaldate il forno a 110° statico
Mescolate insieme lo zucchero semolato con lo zucchero a velo e dividete a metà.
In una ciotola ben pulita e asciutta, oppure nella vaschetta della planetaria, mettete i bianchi d’uovo,e le gocce di limone. Con le fruste in movimento iniziate ad aggiungere poco alla volta con il cucchiaio la prima metà dello zucchero misto. Montate a neve ben ferma (ci vorranno circa 5 minuti) poi unite l’altra metà dello zucchero, nella quale avrete unito l’amido di mais e il cacao amaro, facendo cadere con il setaccio e usando però una spatola in silicone, sempre poco alla volta e facendo attenzione a non smontare la meringa. Amalgamate dall’alto verso il basso delicatamente.
La meringa diventerà lucida e compatta, adesso prendetela con un cucchiaio e formate sulla carta forno dei dischi di circa 20 cm di diametro e alti 2 0 3cm  
Adesso infornate per circa 1 ora e 30 minuti. La meringa deve essere croccante fuori ma rimanere ancora n po’ morbida dentro.

Chantilly mascarpone e more:
300 ml di panna fresca
150gr di mascarpone
60 gr di zucchero
2 fogli di gelatina
60 gr di purea di more
I semi di mezza bacca di vaniglia

Preparazione:
Mettere in ammollo in acqua fredda i 2 fogli di gelatina per 10 minuti. 
Riscaldare 50 ml di panna e i semi di vaniglia e sciogliervi dentro i fogli di gelatina ben strizzati, la temperatura della panna deve essere max 60°. 
Unire tutti gli altri ingredienti in una boule, mescolare e completare con la panna calda. 
Mettere in frigorifero per un paio d’ore( o anche tutta la notte) prima di montare il composto.


Ganache al cioccolato fondente
Ingredienti:
120 g di cioccolato fondente al 50%
100 ml di panna fresca
20 g di burro

Preparazione:

Portare a ebollizione la panna  poi versarla in tre volte sul cioccolato fatto precedentemente sciogliere al microonde, mescolando con un cucchiaio di silicone dal centro verso l'esterno, in ultimo unire il burro morbido e mixare qualche secondo.
Lasciare la ganache in frigorifero un paio d'ore prima di utilizzarla


Montate la torta:
Prendete il primo disco di meringa e spalmatelo con qualche cucchiaio di ganache al cioccolato, poi rifinite con la chantilly alle more e ricominciate con gli altri strati di meringa allo stesso modo.
Decorate l'ultimo strato anche con more fresche, riccioli di cioccolato, meringhette spezzettate.



05 agosto 2014

Mini bundt cakes allo yogurt e mirtilli


E rieccomi con una nuova ricettina dopo un po’ di giorni di latitanza e dolce far poco…..niente sarebbe impossibile :)
Ho appurato che questa estate mi ha assolutamente condizionato, sono incostante e indecisa come il tempo. Ho anche pensato di mandare il blog in vacanza per qualche settimana….ma non avrebbe senso, io non ci sono in vacanza e quest’anno di ferie vere ne vedrò davvero poche. E poi se mi viene voglia di fare e condividere qualcosa perché dovrei aspettare settembre? No, non chiudo per ferie ma mi dovrete sopportare così care lettrici e lettori…..saltuaria, e umorale :)
Poi però quando arriva l’ispirazione in quattro e quattro otto si materializza un buon dolcetto e i colori sono così belli che mi spingono a regalare loro una foto speciale, una su fondo scuro, di quelle mi piacciono tantissimo ma che non avevo mai osato prima…….e c’è sempre una prima volta!

Queste piccole bundt cakes sono tortine leggere e morbidissime, caratteristiche che gli dona lo yogurt , e hanno un sapore e un profumo speciale grazie ai mirtilli di stagione, pochissimi grassi e potete anche evitare il burro, sono buone lo stesso. Si conservano in frigorifero per 3 o 4 giorni, ma noi le abbiamo finite subito…facili, veloci, deliziose!


Mini bundt cake yogurt e mirtilli
Ingredienti per 6 tortine
150 g di farina 00
60 g di fecola di patate
120 g di zucchero semolato
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaino raso di bicarbonato di sodio
1 pizzico di sale
1 uovo
250 g di yogurt bianco intero
2 cucchiai di latte
50 gr di burro mordibo (facoltativo)
125 g di mirtilli



Per la glassa :

60 g di zucchero a velo
Qualche goccia di succo di mirtilli

Preparazione:
Accendete il forno a 170°
In una ciotola mescolate assieme tutti gli ingredienti secchi (farina, fecola, lievito, bicarbonato, sale).
In un’altra ciotola frullate qualche minuto tutti gli altri ingredienti tranne i mirtilli, unite poi i due composti e aggiungete in ultimo la metà dei mirtilli, gli altri serviranno per la decorazione.
Imburrate ed infarinate gli stampi da mini bundt cakes e versatele il composto lasciando un dito dal bordo, infornate a forno caldo per 20/22 minuti circa.
Sfornate e lasciate riposare 5 minuti prima di sformarli.

Per la glassa mescolare lo zucchero con qualche goccia di succo di mirtillo fino alla consistenza desiderata e versarne un pò sulle tortine, poi finire con i mirtilli e lo zucchero a velo.







19 luglio 2014

Baked Alaska ai sapori di casa


Si lo so non ho tenuto fede alla promessa di ingranare la marcia e ripartire! Questa settimana avrei voluto sfornare almeno una mezza dozzina di dolcetti.....col pensiero però. Mi sono passati per la testa meravigliosi vacherin ai lamponi, delicate mousse di albicocche, golosi soufflè ghiacciati al cioccolato...e ancora e ancora un sacco di delizie .....
E invece la mia "modalità vacanza" senza ferie prosegue imperterrita, e allora lasciamoci un po' cullare dal beato oziare estivo senza tanti sensi di colpe, tanto verranno tempi di super corse e mille affanni, quelli non mancano mai di certo.
Per qualche altro giorno sono a casa senza le mie pupette, Alissa è a Barcellona con gli amici di Junior Masterchef e si sta divertendo talmente tanto che mi sa che ha dimenticato di avere una mamma a casa :)...quando torna la pagherà cara....in cucina tutto agosto :)
Mary invece è nella sua adorata Inghilterra, da tanto ormai le 2 settimane in terra inglese sono un appuntamento aspettato e vissuto con entusiasmo, chissà che un giorno non mi faccia le valigie per ben più dei soliti 15 giorni :(.
E quindi mi sto godendo un pò di relax, qualche silenzio, un buon libro, un ritmo sicuramente più lento.....e sento che mi fa bene ogni tanto, è sempre rarissimo per me.
Però questo appuntamento non lo potevo mancare, ci tengo molto a lasciare il mio contributo per il contest delle mie amiche bloggalline che ci invitano a partecipare all’evento internazionale de «La Cucina Italiana nel Mondo verso l'Expo 2015» promosso da INformaCIBO con il patrocinio di Expo 2015 Milano.
Moltissimi i prestigiosi main sponsor come il Consorzio del Prosciutto di Parma, Consorzio del Parmigiano Reggiano, Fabbri 1905 e il sostegno di Parma Alimentare, Cibus, Alma, Apt dell'Emilia Romagna, Parmigiano Reggiano Bonat Medaglia d'Oro, Ifse Scuola di Cucina , ITS Italy to Savour, Degusta e tanti altri.
Io partecipo naturalmente nella categoria Dolce Italia, con la rivisitazione italianizzata  di un dolce americano  il Baked Alaska, giusto per rimanere in tema "international" :)
Come base ho usato un pan di spagna per arrotolati, che essendo più elastico e con una piccola percentuale di miele tiene meglio il congelamento. Il pistacchio di Bronte e le ciliegie di Vignola per i gelati e le amarene Fabbri a dare quel tocco di sapore in più sia nella farcia che nella decorazione. 
Pura magia! Davvero una combinazione di gusti strepitosi .....provatelo! :)

Baked Alaska ai sapori di casa


Pan di spagna per arrotolati 
Ingredienti
4 uova (circa 200 g )
90 g farina 00
30 g amido di riso
100 g zucchero
20 g miele

Preparazione
Separate tuorli e albumi, ponete questi ultimi in un pentolino con lo zucchero e scaldate sul fornello mescolando con la frusta manuale o elettrica, fino ad arrivare a 40-45° al massimo. Quindi montate il tutto con sbattitore elettrico o in planetaria fino ad avere una meringa lucida a “becco d’oca”, quindi non troppo soda ma che abbia comunque una buona struttura.
Sbattete i tuorli con il miele e amalgamarli un po’ per volta alla montata di albumi, molto delicatamente e dal basso verso l’alto usando possibilmente una spatola di gomma.
Infine incorporate a pioggia la farina setacciata con l’amido. Stendete bene l'impasto sulla placca rivestita da carta forno, ad uno spessore di circa 1 cm livellando con una spatola e infornate a 220°C per circa oltre 5/6 minuti, deve dorare ma rimanere morbido.
Toglietelo dal forno e dalla placca e fatelo raffreddare prima di staccare la carta forno e ricavare i dischetti che saranno alla base dei Baked Alaska


 Gelato alle ciliegie di Vignola
(Gelato base frutta + ciliegie)

Ingredienti
135 g di latte intero
100 g di panna
85 g di latte magro in polvere
150g di destrosio (oppure in mancanza 125 gr di zucchero semolato)
25 g di zucchero semolato
6 g di neutro per gelati oppure farina di semi di carrube (facoltativo)
500 gr di ciliegie denocciolate e frullate in purea

Preparazione
Versare il latte e la panna in un recipiente dalla capacità doppia rispetto alla quantità che desideriamo elaborare.
Mentre agitiamo con un frullino, incorporare il latte in polvere e il destrosio.
Passare al tritatutto.
Versare questa miscela in una casseruola e riscaldare (meglio a bagnomaria).
A partire dai 40°C, aggiungere lo zucchero semolato e il neutro mescolati bene assieme. Mescolare con un frullino e portare il mix a 85°C. Raffreddare il più rapidamente possibile fino a 4°C e lasciar maturare in frigorifero per 6 / 12 ore.
Frullate le ciliegie , lavate e denocciolate in precedenza, con l’aiuto, se necessario, di un po’ di mix.
Mescolare bene il tutto e mantecare immediatamente nella gelatiera per 30/40 minuti.
Una volta mantecato il gelato mettetelo nelle semisfere più piccole e congelate bene.


Gelato al pistacchio di Bronte

Ingredienti
500 ml di latte
50 ml di panna fresca
75 g di tuorli
125 g di zucchero semolato
25 g di destrosio (oppure 15 g di zucchero semolato)
25 g di latte in polvere
2 g di farina di semi di carrube o neutro,
70 g di pasta al pistacchio di Bronte

Preparazione
Riunite in una pentola il latte, il latte in polvere e la vaniglia e scaldare il tutto.
Mentre il composto di latte si scalda, sbattete in una ciotola i tuorli con lo zucchero.
Versate il latte caldo nella montata di tuorli a filo e mescolando con una frusta.
Trasferite il tutto nella pentola, quando la temperatura arriva a 40° incorporatevi la panna e la farina di carrube, mescolate bene per amalgamare tutti gli ingredienti e
portate il composto a 85°C mescolando continuamente.
Togliete la pentola dal fuoco e trasferite il composto in una ciotola ben fredda, aggiungete la pasta di pistacchio frullate con un mixer ad immersione per qualche secondo.
Mettete in frigorifero e fate maturare il gelato almeno 6 ore prima della mantecatura nella gelatiera.

Una volta mantecato il gelato versarlo in semisfere di silicone lasciando libero 1 cm dal bordo, inserite al centro la semisfera già congelata di gelato alle ciliegie e spingete fino a che la base sia ben livellata con bordo delle semisfere, se così non fosse aggiungere un altro po’ di gelato al pistacchio sopra. Mettete a congelare.


Meringa italiana

Ingredienti:
100 g di zucchero semolato (80 +20)
10 ml di acqua
50 g di albumi

Preparazione
Fate sciogliere sul fuoco 80gr di zucchero semolato con l’acqua fino ad arrivare alla temperatura di 118°.
Montare gli albumi a neve assieme ai restanti 20 gr di zucchero, quindi iniziare a versare a filo lo sciroppo ottenuto in precedenza.
Continuare a montare fino ad ottenere una meringa ben solida e lucida e a completo raffreddamento della massa.

Amarene Fabbri per la farcia e la decorazione

Montaggio del dolce

Prendete i dischetti di pan di spagna e spalmateli con delle amarene Fabbri e un po’ del loro sciroppo, adagiatevi sopra la semisfera ai due gelati e ricoprite tutto con la meringa italiana, dandole una forma ondulata. Fiammeggiate leggermente e decorate con un’amarena sciroppata.

Con questa ricetta, partecipo al contest : "La Cucina Italiana nel Mondo verso l'Expo 2015", organizzato da Le Bloggalline, in collaborazione con INformaCIBO 

http://lebloggalline.blogspot.it/2014/04/il-primo-imperdibile-contest-di.html

13 luglio 2014

Freschissimo Lassi

Si vede che sono ancora in modalità vacanza?....Si, mi sa di si :).  E me la sto prendendo un pò più comoda anche se in in realtà la mia mini vacanza è durata solo 3 giorni, ho fatto una capatina al mare della Romagna con la mia figliola n. 1 mentre la piccola è via per le sue 2 settimana in Puglia. Questa settimana però mi sono goduta i ritmi lenti e le lunghe giornate di luce, intervallate da qualche goccia di pioggia di troppo.....ma d'estate ci sta anche questo.
Ho acceso il pc il meno possibile e quello che mi dispiace è non essere riuscita a passare nei vostri splendidi blog e tenermi aggiornata con le ricette e le avventure delle mie fantastiche colleghe blogger :).....ma dalla prossima settimana riparto in quinta e vi vengo a salutare tutte! 
La ricetta di oggi è ancora  tratta dal numero speciale estate di Taste & More pieno zeppo di ricette "da brivido" ....dateci un'occhiata che è bellissimo :)
Il lassi è una bevanda fresca  di origine indiana che può essere sia dolce che salata, alla base c'è un buon yogurt intero, dello zucchero o miele (sale se volete un lassi salato), frutta che solitamente è mango ma si può utilizzare tutta la frutta che più ci piace, e spezie....menta, cannella, cardamomo, pepe, zenzero, curcuma.....tutto centrifugato e alleggerito con acqua freddissima e cubetti di ghiaccio.
E' una bevanda ottima, sana e vi darà subito una piacevole sensazione di freschezza.


Lassi di rabarbaro mirtilli e mela

Ingredienti per 4 persone
250 g di coste di rabarbaro
1 mela (circa 150g)
Una ventina di mirtilli congelati in cubetti di ghiaccio
250 g di yogurt intero bianco
qualche fogliolina di menta (facoltativa)
1 cucchiaio di miele


Preparazione
Tagliate le coste di rabarbaro a tocchetti e metteteli in una ciotola da microonde con un paio di cucchiai di acqua. Mettete in microonde alla max potenza per 1 minuto, mescolate e  poi portate a circa metà potenza per altri 3 minuti. Lasciate raffreddare.
Mettete nel bicchiere del frullatore tutti gli altri ingredienti (la mela sbucciata e tagliata a tocchetti), unite il rabarbaro e azionate fino ad avere un composto ben cremoso, potete diluire con dell' aqua freddissima a vostro piacimento a seconda della consistenza desiderata.
Versate nei bicchieri e unitevi qualche altro cubetto di ghiaccio.

Non dimenticate le altre fantastiche ricette freschissime di Taste & More magazine, un edizione davvero molto speciale!

07 luglio 2014

Gelato di avocado, cocco e noci macadamia per Taste & More

Oggi sarò breve, concisa e con una bellissima sorpresa.....il numero "ghiacciato" di Taste & More Magazine!
"Un estate da brivido" questo è il regalo che abbiamo fatto ai lettori e agli  affezionati del Magazine, un numero speciale pensato per vivere al meglio questa ormai calda estate, pieno di idee fresche, sfiziose e veloci, ricette salate e dolci, gelati, bibite, insalate, granite........precipitatevi a sfogliarlo e rabbrividerete di piacere :)
Vi lascio i miei saluti dal mare......sono scappata via per qualche giorno.....e una delle mie 2 ricette che troverete anche sul Magazine. Buona lettura e a prestissimo!!!!







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...